Parcheggi in Via Stramonte a Ligornetto: Durata massima inadeguata?

Egregi Signor Sindaco e Municipali,

il 25 agosto 2018 abbiamo interrogato il lodevole municipio sull’opportunità di concedere un prolungamento di sosta presso il parcheggio adiacente alle scuole elementari di Ligornetto situato in Via Stramonte.
Abbiamo ricevuto in data 19 ottobre 2018 la risposta del municipio che ci comunicava di non considerare una modifica della regolamentazione attuale nel parcheggio che serve la zona residenziale Via Stramonte e la scuola elementare del quartiere di Ligornetto.
La risposta del municipio di non considerare una modifica come da noi avanzata, indica “che chi effettua visite nella zona, è più probabile vi si rechi al di fuori degli orari lavorativi e pertanto al di fuori di questa fascia oraria… “ , è una supposizione che non tiene in considerazione gli attuali bisogni dei cittadini, in particolare i pensionati che magari vanno a trovare i propri figli o nipoti o vi abitano e ospitano figli e nipoti magari a pranzo nella zona residenziale in questione e che vorrebbero poter posteggiare senza rischiare ogni qual volta una multa essendo l’unico parcheggio pubblico in quest’area.

Lo scarico/carico degli allievi avviene sul piazzale del parcheggio in concomittanza degli orari scolastici in meno di 30 minuti. Ma se un genitore si reca per un colloquio o una visita a scuola o se altri visitatori della scuola arrivano in auto e si devono fermare, sarà facilmente una sosta oltre i 30 minuti. Come dovrebbero quindi comportarsi? Ricordiamo che i mezzi pubblici servono Ligornetto solo a scadenza di mezz’ora o un’ora a secondo dell’orario e non collegano tutti i quartieri della città direttamente, partendo da Ligornetto.

Aggiungiamo che la limitazione dell’orario dell’allora municipio venne istituito in quanto si constatavano abusi di stazionamento di auto, (spesso anche con targa straniera) per uno o più giorni, occupando in modo gratuito un sedime destinato a servire i visitatori della scuola e della zona residenziale di Via Stramonte e Via Piffaretti. Con la linea ferroviaria Mendrisio-Stabio,i presupposti per questi stalli prolungati a Ligornetto sono cambiati e quindi l’uso del citato parcheggio andrebbe a nostro avviso rivisto, adattando la sosta alle esigenze attuali dei cittadini residenti.
Il parcheggio di Via Stramonte è l’unico in tutto il quartiere di Ligornetto dove la sosta è permessa per soli 30 minuti dalle ore 9-16.30, quindi nella maggior parte delle ore diurne e anche durante il periodo delle vacanze scolastiche comprese quelle estive di 10 settimane senza possibilità di prolungare.
I parcheggi pubblici ubicati nelle varie zone della città dovrebbero servire in primis ai cittadini che li hanno finanziati e ai visitatori che si recano nella zona per svariati motivi.
Se il comune ritiene, può ovviamente riscuotere una tassa di parcheggio per chi ne usufruisce, ma limitare l’uso di una superficie pubblica unicamente a 30 minuti per la maggior parte delle ore giornaliere e per intere settimane senza un motivo valido, lasciandolo inutilizzabile in pratica il parcheggio, riteniamo una risposta insufficiente per i motivi citati sopra.

Per questo motivo chiediamo al Lodevole Municipio:

  • A chi dovrebbe servire il posteggio pubblico nelle ore diurne dalle ore 9-16.30 e nelle vacanze scolastiche attualmente limitato a soli 30 minuti di sosta senza possibilità di prolungo?
  • Il municipio ritiene di rendere disponibile per almeno 2 ore consecutive la permanenza di posteggio in Via Stramonte?
  • Se si, ritiene di voler introdurre una tassa di parcheggio analogo agli altri posteggi situati nel quartiere di Ligornetto?
  • Quali soluzioni di parcheggio pubblico dovrebbero utilizzare tutti i cittadini che si recano in visita a scuola o da parenti/amici con la propria auto per un tempo oltre la mezz’ora, soprattutto citttadini anziani o persone con handicap che si muovono con meno facilità o mamme con bambini piccoli con il passeggino al seguito anche di altri quartieri della città?

Ringraziamo per l’attenzione e salutiamo cordialmente.

Evelyne Battaglia-Richi
Andrea Croci
Gianluca Padlina

Lascia un commento