#MarcoRomanoSindaco, si parte…

La Sezione del Partito Popolare Democratico e Generazione Giovani (PPD+GG) di Mendrisio propone la candidatura del consigliere nazionale Marco Romano per la funzione di Sindaco della Città di Mendrisio.

Alle recenti elezioni comunali Marco Romano è stato eletto in Municipio con un risultato brillante e chiaro; il PPD si è confermato partito di maggioranza relativa e, nel solco di una tradizione consolidata, ha condiviso la responsabilità con le altre forze politiche.

Marco Romano, 35 anni, è laureato in scienze politiche e sociali, sposato con Maura e papà della piccola Emma; professionalmente è Direttore della Fondazione Fidinam. Motivato e determinato è disponibile a impegnarsi – dedicando il massimo delle risorse e forze – quale Sindaco di Mendrisio, Comune in cui è cresciuto e alle cui radici è molto legato. Dal 2016 siede in Municipio quale capo-dicastero Economia ed Aziende Municipalizzate, dopo 12 anni di Consiglio Comunale (già capogruppo). Dal 2011 è pure Consigliere nazionale, membro della Commissione delle istituzioni politiche, Presidente del Gruppo Latino PPD e nel 2018 presiede la Deputazione ticinese alle Camere federali.

Marco Romano si propone quale Sindaco di tutti, che integra e condivide, aperto e orientato al dialogo con tutte le forze politiche. Rappresenta i reali valori per amministrare la cosa pubblica nell’esclusivo interesse dei cittadini. Vive Mendrisio e il suo territorio. Desidera guidare l’attività dell’Esecutivo, cosciente del valore di quanto è stato realizzato negli ultimi decenni e della necessità di lavorare a soluzioni praticabili. Ricoprendo ruoli di responsabilità e conduzione nelle istituzioni e nell’economia privata, porta con sé un bagaglio di esperienze, conoscenze e contatti, che mette volentieri a disposizione dei cittadini.

In merito al legittimo quesito sulla compatibilità tra mandato federale e comunale giova ricordare che l’attività di parlamentare federale, nel sistema svizzero di milizia, è part-time (40%) e perfettamente compatibile con il ruolo di Sindaco. I deputati, che accanto al mandato alle Camere federali sono anche membri di un esecutivo locale, come Sindaci o Municipali, sono molti. Le presenze a Berna sono limitate alle sessioni e alle sedute di commissione, il centro della vita, degli interessi e dei vari impegni di Marco Romano sono il Ticino e Mendrisio; con pragmatismo ed efficienza risponde sempre a tutte le sollecitazioni sia istituzionali sia di cittadini. Non è comunque il tempo di presenza a fare un buon sindaco, ma la capacità di operare creando dinamiche positive e ascoltando tutti. Numerosi dossier partono proprio dalla Berna federale (strade, sicurezza, ferrovia, ecc.): la conoscenza dei meccanismi, delle persone chiave e la visione di altri contesti aiuta a gestire problematiche e a costruire soluzioni.

Il PPD ha presentato nell’aprile 2016 un dettagliato programma di legislatura (http://www.ppd-mendrisio.ch/programma-legislatura-2016-2020-2/ – “Mendrisio cresce con noi”). Nel 2017 Municipio e Consiglio comunale hanno fatto propri un piano finanziario di legislatura e un Piano delle opere prioritarie che garantiscono solidità finanziaria, capacità di erogare tutti i servizi esistenti e di realizzare investimenti pari a circa 20 milioni all’anno.

Marco Romano intende lavorare con tutto il Municipio su quanto approvato dal legislativo, sui cantieri aperti e su visioni di lungo respiro condivise e capaci di essere maggioritarie. 5 sono gli assi portanti, fondati sui dossier pendenti e sulle volontà espresse da tutte le forze politiche.

  1. Una Città che preserva l’identità dei 10 quartieri e conferma in ogni ambito – servizi, scuola, socialità, sicurezza, trasporti – la prossimità al cittadino:
    a. nessun accentramento: mantenere gli sportelli, i servizi e le scuole nei quartieri;
    b. creare spazi di svago e di incontro in ogni quartiere (es. parco di Villa Argentina e altri parchi nel territorio, piazze centrali dei quartieri), valorizzando i momenti comunitari legati al patrimonio di radici e tradizioni (sagre, feste, ecc.);
    c. consolidare le commissioni di quartiere quali attori di dialogo e contatto tra Municipio e quartiere.
  2. Una Città, fiscalmente attrattiva con una socialità mirata di alto livello, che si mantiene finanziariamente solida e si conferma polo urbano rilevante del Cantone:
    a. mantenere il 75% di moltiplicatore, senza tagli nella socialità e nei servizi, realizzando tutto il Piano delle Opere Prioritarie discusso dal Consiglio comunale nel 2017;
    b. consolidare la posizione e la percezione di Mendrisio quale Città del Ticino: polo universitario (Accademia e SUPSI), attrattore turistico (UNESCO, vitivinicoltura, musei), promotore di eventi di carattere regionale e internazionale, e piazza economica con aziende affermate internazionalmente e spazi da convertire a favore di nuove realtà;
    c. incentivare tutte le attività economiche nei quartieri (servizi, ritrovi pubblici, artigiani, commerci), attirandone nuove per garantire vitalità, attrattività e posti di lavoro.
  3. Una Città che costruisce la mobilità del futuro in un territorio risorsa fondamentale da preservare e recuperare:
    a. rendere la stazione di Mendrisio fulcro di tutta la mobilità regionale: luogo di interscambio tra ferrovie, bus, mobilità elettrica e bike-sharing;
    b. accelerare il completamento a sud di Alptransit per trasformare la linea storica in rete di collegamenti regionali a cadenza 15 minuti, e coprire l’autostrada con gli inerti dello scavo di Alptransit.
    c. recuperare e valorizzare gli spazi lungo il Laveggio per sport e tempo libero, promuovere il Monte San Giorgio e il Monte Generoso quali polmoni verdi, luoghi di svago, cultura e storia.
  4. Una Città con un carattere umano/sociale, dove l’associazionismo e il volontariato sono elementi da conservare:
    a. garantire le prestazioni sociali odierne e rafforzare il tessuto assistenziale presente;
    b. promuovere e sostenere progetti che rendono Mendrisio una Città a misura di famiglia;
    c. sostenere attivamente le numerose associazioni attive nei quartieri, valorizzando il volontariato quale elemento fondamentale di un tessuto sociale dinamico.
  5. Una Città che digitalizza l’amministrazione, valorizza il personale, garantisce servizi moderni ed efficienti, e realizza progetti di valenza regionale:
    a. i dipendenti comunali sono una risorsa umanamente imprescindibile e strategica, vanno valorizzati e formati, promuovendo la parità dei sessi e modelli di lavoro famiglia-compatibili;
    b. offrire i principali servizi comunali anche online promuovendo forme innovative;
    c. realizzare opere infrastrutturali di base per le prossime generazioni: acquedotto regionale, riduzione dei consumi di acqua e promozione delle energie rinnovabili.

Lascia un commento