Sportelli comunali nei quartieri, quale futuro?

Interpellanza presentata dai consiglieri comunali PPD e GG Manuel Aostalli e Francesca Luisoni.


Egregio signor Sindaco, egregi Municipali,

Nelle scorse settimane, vari rappresentanti in seno alle Commissioni di Quartiere ci hanno posto la domanda relativa alle possibili conseguenze di un basso numero di utilizzi dello sportello nei quartieri del MonteSanGiorgio, come pure di Salorino.

Nel messaggio municipale MM82-2015, venne indicato un elenco di beni alienabili, fra cui risultano presenti anche stabili attualmente adibiti appunto a sportello. Un esempio in merito è la ex Casa Comunale di Salorino; si citava in effetti:

“Per il fondo n. 256 RFD Mendrisio /Sezione Salorino (ex Casa comunale e attuale sede dell’Ufficio Comunicazione), il Municipio propone di ritardare momentaneamente l’alienazione del bene amministrativo in attesa di una verifica approfondita sulla possibile destinazione dell’edificio sia ad uso dell’amministrazione che di interessi collettivi (associazioni o enti pubblici attivi nel Quartiere di Salorino). L’immobile ubicato al mappale n. 256 RFD Mendrisio / Sezione Salorino era la Casa Comunale del Comune, e attualmente è sete dell’Ufficio Comunicazione della Città di Mendrisio nonché sede di società ricreative del Quartiere. La proprietà è inserita a Piano Regolatore in zona Attrezzature Pubbliche Edifici Pubblici (AP EP)”

Siamo altresì consapevoli del grande lavoro che si sta facendo per la riconversione a centro culturale e a biblioteca cantonale per la Filanda, e che ci saranno i nuovi moderni e tecnologici spazi atti ad accogliere nuovi utenti, associazioni, eccetera. Pertanto, avvalendoci delle facoltà concesse dal regolamento comunale, vogliamo chiedere al lodevole Municipio:

  1. se conferma i dati indicanti un basso numero di utilizzo degli sportelli dei quartieri di Meride, Besazio, Tremona e Salorino;
  2. se ritiene che eventuali chiusure delle antenne di servizi comunali siano eventualmente neutre per gli attuali dipendenti;
  3. se conferma che detti stabili siano effettivamente considerati come alienabili
  4. se ritiene che la Città di Mendrisio possa offrire una reale alternativa facilmente percorribile per associazioni ed enti pubblici che oggi utilizzano stabili in detti quartieri
  5. quale visione ha nel complesso il Municipio sulla prossimità dei servizi nei quartieri per la corrente legislatura?

Ringraziando per l’attenzione e la collaborazione, porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Lascia un commento