Richiesta di due crediti quadro di CHF 2’000’000.- e di CHF 250’000.- per l’anno 2017 rispettivamente per le Sezioni Elettricità e Gas delle AIM (MM 14/2016)

Onorevole Presidente del Consiglio Comunale,
Onorevole Sindaco,
Onorevoli Municipali,
Gentili Colleghe ed Egregi Colleghi di Consiglio Comunale,
Stimati rappresentanti della stampa,

Il credito quadro, istituto previsto dall’art. 164a della LOC, è in buona sostanza uno strumento decisionale che consente al Comune di affrontare e portare a termine, la realizzazione di una o più opere pubbliche che, per propria natura, presuppongono interventi articolati e susseguenti nel tempo. Rispetto ai crediti d’opera, ovvero a quei crediti che il Consiglio comunale stanzia per la realizzazione di una singola opera sulla base di progetti e preventivi definitivi, il credito quadro prevede di stabilire a priori sia l’ammontare massimo del credito quadro che l’organo competente a suddividere il credito quadro in singoli crediti d’impegno e, infine, il periodo entro il quale il credito quadro deve essere utilizzato.

Nel rapporto della Commissione della gestione, di cui sono l’estensore, si è proceduto a riassumere il contenuto del Messaggio municipale 14/2016 e quanto emerso nel corso dell’esame commissionale. Nello specifico è opportuno evidenziare quanto segue.

  1. Il credito quadro di CHF 2’000’000.- richiesto per la Sezione Elettricità riguarda per circa l’80% interventi di rifacimento delle reti di bassa e media tensione (principalmente nei quartieri di Arzo e Mendrisio e la linea Cragno-Dosso dell’Ora) e la sostituzione di alcune cabine. Il restante 20% è invece relativo a) all’aggiornamento di hardware e software dei sistemi informatici; b) all’accompagnamento al progetto FFS presso la sottostazione Tana (nuovo punto di alimentazione della linea ferroviaria del San Gottardo) e c) i costi residui connessi con il trasferimento nella sede provvisoria (palazzo comunale).
  2. Il credito quadro di CHF 250’000.- richiesto per la Sezione Gas, riguarda invece una serie di limitati interventi di prolungamento della rete, che le AIM intendono realizzare sfruttando l’occasione fornita dall’esecuzione di altri lavori, già previsti, che interessano le sottostrutture.
  3. Per quanto attiene alla durata del credito quadro, limitata al solo 2017, la scelta è legata al fatto che è pendente la decisione relativa al cambio di forma giuridica della AIM e permette, in ogni caso, di assicurare la possibilità di effettuare gli investimenti di cui sopra.

Rinviando per il resto dei dettagli ai documenti in vostro possesso, porto l’adesione del gruppo PPD e Generazione Giovani al MM 4/2016 formulando l’invito a tutti voi gentili Colleghe e egregi Colleghi a voler approvare la richiesta di credito nei termini indicati nel dispositivo di risoluzione proposto.

Gianluca Padlina
Gruppo PPD – Generazione Giovani

Lascia un commento